Statistiche web e counter web

venerdì, luglio 20, 2007

20 Luglio 2007

Lo ammetto, avevo dimenticato che giorno fosse oggi.


Stavo guardando "ferie d'agosto" quando, data la pubblicità, ho avuto la bella idea di cambiare canale.

La7 sta trasmettendo il miglior documentario sui fatti del G8 di Genova 2001 che io abbia mai visto.
Consiste in una sequenza infinita di immagini, senza commento, con il sottofondo delle chiamate fatte al centralino del 112, 113, e 118 di quel giorno.

E allora non ci sono vinti e non ci sono vincitori.

Ci sono solo considerazioni.

Me lo ricordo quel giorno; stavo ancora con Elisa ed eravamo a casa sua a guardare la televisione. Mio padre, a causa del suo lavoro, stava in ufficio. Mi ricordo di aver pensato che le persone che si stavano "immolando" in questa lotta senza quartiere potessero avere una qualche ragione per farlo.Oggi, quella flebile convinzione è completamente decaduta.

Ciò che vedo a sei anni di distanza:

1) I proletari fanno i Carabinieri, i borghesi fanno i disobbedienti.
2) I borghesi parcheggiano la loro Mini Cooper nel garage a pagamento e si recano a bruciare la Punto del proletario.
3) I disobbedienti hanno, adesso, il loro martire.
4) Il padre di Giuliani, ora, è in politica.
5) I mandanti e gli esecutori di una strage sono seduti sulle stesse poltrone.
6) 51 giorni più tardi il mondo sarebbe cambiato.
7) Placanica è il solo colpevole.
8) Il poliziotto deve subire e tacere, il disobbediente grida ancor prima di subire.

Non sono orgoglioso di essere Italiano.

Perchè se sei anni or sono fosse morto Placanica, ucciso da Giuliani, questa sera avrebbero mandato in onda Rimini Rimini.

Vergogna.

Leo

domenica, luglio 15, 2007

La Vita, davvero.


Ciao a tutti,

questo sarà un post un po' anomalo rispetto ai miei standard, ma per la prima volta voglio mostrare qualcosa di ciò che accade intorno a me e di ciò che mi influenza direttamente in quanto pensatore.
Mi capita di rado, ma non avendo nulla da fare per tutto il fine settimana ieri ho passato diverse ore a cazzeggiare per il web senza meta digitando su motori di ricerca ciò che mi passava per la cabeza.

Voglio mostrarvi due delle cose che ho scoperto e spiegarvi come ci sono arrivato:

1) Durante le imminenti ferie andrò qualche giorno a Budapest. Ho cominciato a cercare info su posti da visitare, ristoranti, terme, etc. Provate a scrivere Budapest in un motore di ricerca: escono solo puttane.
Sarò ingenuo, ma non lo sapevo. Almeno non credevo fosse diffuso al punto da generare organizzazione di gnocca-tour. Ricordo, per la cronaca, che mi recherò in Ungheria con la mia fidanzata (non vado a "ficcare"...almeno non con le moldave).

2) Stavo ascoltando i Pantera e guardando JFK in DVD. Mi è venuto in mente il Texas in generale, il Texas criminale in particolare.
Che io non nutra profondi sentimenti filoamericani è cosa risaputa, ma il cinismo di questo sito supera ogni mia immaginazione. Ho passato circa 2 ore a leggermi le schede dei condannati a morte per capire i loro crimini e farmi un'idea dell'ambiente in cui vive questa gente. Dopo aver scandagliato sul mio monitor decine e decine di neri e ispanici, la mia attenzione si è posata su una certa Chelsea Richardson.
Tirando le somme, questa tipa ha 4 anni meno di me (26/03/1984) e già sta nel braccio della morte da 2. Leggendo la sua scheda, per quanto sia una criminale e nessuno lo metta in discussione, si capisce perchè in Europa soggetti di questo tipo sono impossibili da trovare mentre oltreoceano sono la norma.
La Lobby delle armi. Non c'è altra spiegazione se a 19 anni una ragazza qualunque può sparare a due persone con un'arma posseduta legalmente.
Da segnalare anche la sezione "executed offenders" in cui, oltre alla scheda personale del criminale, potete leggere la sua "last statement" (ovvero l'ultima frase pronunciata prima dell'esecuzione).
Immaginate il nostro sito della Polizia di Stato o dei Carabinieri contenente un archivio come questo.

Questi sono un popolo di pazzi.

Spero che entrambe le cose vi aiutino a riflettere su quanto la razza umana meriti l'estinzione.

Leo