Statistiche web e counter web

lunedì, settembre 21, 2009

Vivo controvoglia 1994-2000-2009

Dovrò trovarmi un nuovo acronimo, un nuovo nickname.
La mia vita on-line, giunta ormai oltre il quindicesimo anno di vita, ha subito diverse trasformazioni.
Sono entrato con IRC, chattando e conoscendo gente come me amante della musica e dell'informatica... era il 1993. Ne è passato di tempo.
Tutto si è evoluto fino al 2000, anno in cui è finita l'esperienza Monital e in cui è iniziata la mia esperienza di vita. Ho conosciuto Elisa, poi Giulia, e sono entrato nel mondo del lavoro. I miei problemi si sono evoluti, sono cambiati, sono diminuiti e sono aumentati.... ma sono sempre stati intensi. Sono cresciuto, ho amato e ho odiato, ho sancito editti e pronunciato sentenze. E' sempre stato tutto bianco o nero.
La terza età della mia vita on-line inizia oggi. Inizia la lunga linea grigia.
Non è solo una questione di età, di fede, di ceto o di quant'altro. E solo che, lo diceva il Gilligan, non si può combattere per sempre.
Ed io oggi vorrei solo vivere in pace la mia vita, non rompere le palle al prossimo ed evitare che le rompano a me stesso. Vorrei solo qualche emozione ogni tanto, qualche amico ritrovato ed il rispetto che penso di essermi guadagnato. Non ho bisogno dell'approvazione di nessuno nè tantomeno ricerco adepti o sono a cerca di figa su internet. Ho solo bisogno di dire a me stesso che un'altra epoca è finita e che, come forse un tempo avveniva più spesso, qualche passante è ancora interessato alla mia opinione sull'universo.
E allora perchè vivo controvoglia?
Perchè sono infastidito. Mi sveglio controvoglia, mi sposto controvoglia e mangio controvoglia.
Perchè sono nel limbo della mediocre media borghesia che non rappresenta e non viene rappresentata da nessuno. Non combatto col sindacato nè con l'industriale. Non ho un salario da fame e non potrò mai comprarmi una Lexus. Non credo nella politica, ma comprendo il potere che ha su tutti noi.
Non amo il mio paese e in fondo vorrei sempre provare a salvarlo.
Perchè credo che il mio stile da oggi sia cambiato, credo che il mio tedium vitae non cresca e non diminuisca, credo che la mia vita non migliori nè peggiori, credo che le mie emozioni siano stazionarie e che panta rei senza scorrere fino in fondo davvero.
Perchè nulla si crea, nulla si distrugge e nulla importa. Perchè tutto è cambiato per rimanere uguale.
Perchè, come "Quando..." o come "IlDonGiulio", le canzoni son come i
fiori: nascon da sole sono come i sogni.
E a noi non resta che scriverle in fretta perchè poi svaniscono e non si ricordano più.

Se volete comunicare con me e diventare parte di questa intima community... io sono qui.

Non aspettatevi il vecchio me stesso, non lo troverete.

L.